Nick Beery & The Big Lebowski Art Collection

The interviews with the artists who collaborated in the creation of the book “The Big Lebowski Art Collection” continues. Today we present Nick Beery, from USA.
If you want to read previous interviews or buy the book, just click HERE.
Enjoy the reading!

BUY YOUR COPY!

Nick Beery Beery Method is a full time illustrator, designer, and creative director who runs Beery Method Studios.

Fracesco Ciaponi – Describe how it was the first time you saw the movie “The Great Lebowski”

Nick Beery – It was the late 90’s, I was a freshman in college and I had started my journey into pursuing art as a possible career. At that time I was becoming more and more obsessed with storyboarding and character development through a creative writing course as well. My schedule was filled with liberal arts courses, drawing, painting and writing which left me little time for movies, tv, video games etc. My roommate at the time however rented movies just about every night to kill time. I remember coming home one night and he had just rented The Big Lebowski. Just the title to the film had thrown me off and I had no idea what was in store. We casually smoked a joint or two, put in the dvd and was spun into a world of candid comedy that kept us both laughing our stoned asses off for days after. The movie became a seminal part of what would become a ritual to watch semi-inebriated while I worked on sketches for illustrations and compositions for paintings. I was in love with the art direction, the characters/cast, the relentless perfection of idiosyncratic levels of dark comedy, and the seemingly organic nature of the dialogue unfolding effortlessly in each scene. It is still a ritual I hold dear to my white-russian soaked heart today!

FC – To give readers an idea of your art try to describe what are some of your cultural references. At least 3 sources of inspiration that are important to you and why

NB – I grew up during the 80’s and was weened on cartoons of the era, astronomy from my grandmother, and spent countless hours exploring the heavily forested countryside. As an American boy exposed to TV shows and Hollywood films it is indicative of my primordial nostalgic influences to bleed through in my creative work. There is so much great pop-culture and sub-culture that germinated back in the day making it into the mainstream that has found everlasting fanhood. Back in 2010 I started mashing up pop culture icons with sub culture anti-heroes and characters. One particular piece that involved muppets and Pulp Fiction went worldwide viral and is still a top fan favorite today. 

The older I get the more I reach farther back to adolescence interests in nature, science, and biology. A lot of those interests come bubbling up in my work today. Infatuated with mycology and how mushrooms affect our environment, gazing through my telescope at night to distant galaxies, and using math and science in my excursions hiking through the wilderness to find new informative details that can be utilized visually is a daily constant. Furthermore, taking photographs of the sky and wooded surroundings and wildlife and blending them into digitally enhanced paintings and patterns takes all my favorite inspirations and makes it possible to coalesce all those forms into cohesive collections of various bodies of work.

FC – Describe what is your environment where you live and where you work

NB – I’ve spent the majority of my adulthood traveling and moving from city to city and state to state. Spending most of my years on the West Coast and upper Northwest I’ve wore many hats as a creative consultant and have digested multi-cultural experiences that shape my understanding of my simple microcosm here on Earth. I’ve never sat still for too long and as an artist always found constant inspiration by moving around and gaining new fresh perspectives. Meeting and working with so many artists over the years has allowed me to further learn various media and make a stamp in the small world of commercial and fine art. It was after years of burning through the hustle that made me step back and take a hard look at what heart felt inspirations were nestled deep inside my roots and decide to move back to the country.

I now live and work happily from my home studio smack dab in rural Midwest America. This move to quiet and solitude allows a deeper sense of self and allows a safe percolation of revelations through my ongoing life with my visual art. Situated on a few acre old farm I now raise hops for beer making, forage for mushrooms and organic herbs, and grow a sustainable garden with my wife and daughter that keeps our minds and bodies healthy and attuned to a more natural way of life. All one really needs is a place of affection where his/her mind can wander and let the purity of a world less affected be the guide to perfect outlets of creative tides. Honestly, working from the far reaches of our peaceful plot is far more invigorating than the constant push and pull of city life. There is more time to oneself to learn, grow, and not be overly influenced by the constant static energy of the masses. Our home is a place you can just be you all the way through.

FC – Indicate which of 2 of the artists you attend regularly and what you think are the most you can find today in your creative environment

NB – I enjoy going to art museums and catching moving collections. Artists I enjoy the most are Salvador Dali and H.R. Giger. While they are both no longer living, their influence on modern art/artists today are obvious and bridge many cultures. Every chance I have to travel and see original works from either artist is time well spent. Although I know most of their paintings titles by heart and have countlessly scanned them up and down I always find some intricate detail that passed me by beforehand. I’m into artists like myself who enjoy their process, aren’t afraid to take risks, and while in the public eye from time to time rather enjoy being the odd fellow and sitting back from the limelight watching their fans from a distance.

FC – Now that we are at the end. Try to explain what is the “Big Lebowski” for you and why do you think it has so much influence the world of graphics and illustration

NB – The Big Lebowski is a constant thread to my early years as a budding artist. It’s a warming reminder of days more innocent than not. It ties into a social disconnect in American society, especially on the West Coast. These mini-cultural-connections and disconnections are why it has had so much influence in the world of graphics and illustration. It’s not so much a generational thing, but it is the characterizations of dramatized sub-classes of people who are the gritty underside of American culture itself which reaches far and wide across the table to an dysphemistic audience past and present. It is an artful film through and through. It leaves one with a sense of gratuitous laughter and a heady empathy for common man. It is a film that can be quoted in a room full of strangers and bring them together as friends. The Big Lebowski speaks to the upheaval and chaos that is a persistent loop in the life of modern man.

Le interviste con gli artisti che hanno collaborato alla creazione del libro “rtfg” continua. Oggi presentiamo Nick.
Se volete leggere le precedenti interviste o acquistare il nostro piccolo grande libro, basta cliccare QUI!
Buona lettura!
FC – Descrivi come è andata la prima volta che hai visto il film “Il grande Lebowski”..

Era la fine degli anni ’90, ero una matricola all’università e avevo iniziato il mio avvicinamento al mondo dell’arte. A quel tempo mi stavo sempre più ossessionando dello storyboarding ed allo sviluppo di personaggi anche attraverso un corso di scrittura creativa. Il mio calendario era pieno di corsi d’arte, disegno, pittura e scrittura che mi hanno lasciato poco tempo per vedere film, tv, videogiochi ecc. Il mio compagno di stanza però, affittava un film quasi ogni notte per ammazzare il tempo. Mi ricordo di essere tornato a casa una notte che lui aveva appena noleggiato The Big Lebowski. Abbiamo fumato una canna in comune o forse due, messo il dvd e da li in poi è iniziata questa commedia che ci ha lasciati entrambi a ridere anche nei giorni successivi. Il film è diventato una parte fondamentale di quello che sarei diventato e ho continuato a guardarlo sempre mentre lavoravo su schizzi o illustrazioni o altri dipinti. Sono innamorato della regia, dei personaggi, del cast, della perfezione dei momenti idiosincratici presenti nella storia e dei dialoghi che si svolgono in ogni scena. È ancora un rituale che mi tengo stretto al cuore ancora oggi!

FC – Per dare ai lettori un’idea della tua arte, prova a descrivere quelli che sono alcuni dei tuoi riferimenti culturali, almeno 3 fonti di ispirazione che sono per te importanti e il perché

NB: Sono cresciuto negli anni ’80 e sono rimasto stupefatto dai cartoni animati del periodo, dall’astronomia di mia nonna e dalle innumerevoli ore trascorse ad esplorare le foreste e le campagne dei luoghi della mia infanzia. Come ogni altro ragazzo americano anche io sono cresciuto con spettacoli televisivi e film di Hollywood. C’è tanta cultura pop e cultura underground che poi è diventata mainstream nel mio background. Nel 2010 ho iniziato a dipingere le icone della cultura pop inserendo personaggi ed elementi della cultura underground. Un pezzo a cui sono legato è formato dai personaggi dei muppets e da quelli di Pulp Fiction ed è diventato un fenomeno virale qualche tempo fa in tutto il mondo.

Amo la micologia, scoprire come i funghi influenzano il nostro ambiente, guardare attraverso il mio telescopio di notte le galassie lontane e utilizzare le scienze applicate nelle mie escursioni soprattutto nel deserto dove puoi trovare dettagli che possono essere utilizzati nella mia arte. Inoltre, scatto fotografie al cielo ed agli ambienti boscosi, alla fauna selvatica per poi inserirli in quadri creati in digitale mischiare tutti questi elementi e forme in opere nuove e mie.

FC – Descrivi quello che è il tuo ambiente dove vivi e dove lavori.

NB – Ho passato la maggior parte della mia adolescenza in viaggio muovendomi da città a città. Adesso trascorro la maggior parte del mio tempo sulla West Coast e nel Nord Est come consulente creativo. Non mi piace mai fermarmi troppo a lungo nel creare i miei lavori e come artista ho sempre trovato ispirazione costante spostandomi ed acquisendo sempre prospettive nuove. Incontrando e collaborando con tanti artisti nel corso degli anni ho approfondito vari mezzi di espressione. Dopo un periodo un pò difficile mi sono guardato indietro acquisendo uno sguardo magri più duro ma che ha permesso al mio cuore di sentire le ispirazioni che sono profondamente nascoste all’interno delle mie radici. A questo punto ho deciso di tornare a casa e fermare i miei viaggi.
Ora vivo e lavoro felicemente nel mio studio a casa in un ambiente rurale nel Midwest. In una vecchia fattoria con qualche ettaro di terra, ora raccolgo il luppolo per la produzione artigianale di birra, funghi e erbe aromatiche, e mi occupo di un giardino con mia moglie e figlia così da mantenere le nostre menti e i nostri corpi in buona salute adattandoci ad un modo di vita più naturale. Tutto quello di cui si ha veramente bisogno sono gli affetti così che la mente possa vagare libera e lasciare che la purezza del mondo sia la guida della tua creatività. C’è più tempo per imparare, crescere e non essere eccessivamente influenzato dall’energia statica costante delle masse che ti circondano nelle città. 

FC – Indica quali sono 2 degli artisti che segui regolarmente e che pensi siano il massimo che si può trovare oggi nell’ambiente creativo

NB – Mi piace andare a musei d’arte e vedere mostre. Gli artisti che amo sono la soprattutto Salvador Dali e H.R. Giger. Anche se non so no più in vita, la loro influenza sull’arte moderna e sugli artisti di oggi è evidente. Anche se conosco la maggior parte dei loro lavori di pittura a memoria e li ho scansionati innumerevoli volte, trovo sempre qualche particolare nascosto che mi era sfuggito in precedenza. Sono in artisti come me, che hanno un loro processo creativo, non hanno paura di rischiare.

FC – Adesso che siamo alla fine, prova a spiegare cosa rappresenta per te “Il grande Lebowski” e perché pensi che abbia così tanto influenzato il mondo della grafica e dell’illustrazione

NB – Il Big Lebowski è un filo costante per i miei primi anni come artista è un promemoria dei giorni più innocenti. È legato a una disconnessione culturale nei confronti della società americana, soprattutto quella della costa occidentale. Questi aspetti culturali sono il motivo per cui ha avuto tanta influenza nel mondo della grafica e dell’illustrazione. Non è tanto una cosa generazionale, sono le caratterizzazioni dei tipi, il lato grigio della cultura americana stessa che raggiunge u ampio pubblico, passato e presente. Lascia lo spettatore con un senso di simpatia e crea un’improvvisa empatia per l’uomo comune. È un film che se viene citato in una stanza piena di sconosciuti riesce sicuramente a riunirli e a renderli immediatamente amici. Il grande Lebowski parla del turbamento e del caos, un ciclo costante nella vita dell’uomo moderno.

PRENDI LA TUA COPIA!