“Cured”, il magazine dedicato alla conservazione degli alimenti che ti lascerà a bocca aperta

Nel vasto panorama dei magazine cosiddetti indipendenti una delle qualità che maggiormente fanno la differenza, come del resto in quasi tutti i settori produttivi del mondo dell’informazione, è la riconoscibilità. La capacità di individuare un perimetro circoscritto e ben definito entro il quale approfondire, dettagliare, diventare riferimento. Per capire meglio di cosa sto parlando, oggi vi presento “Cured“, la prima rivista che si concentra esclusivamente sui modi in cui cibo e bevande possono essere conservati.
Mentre la tecnologia continua a spingerci sempre più velocemente verso un futuro ignoto nel futuro, molte persone stanno riscoprendo quelle che sono le tecniche che provengono dal passato soprattutto in tema di artigianato e alimentazione.
Aspettatevi dunque di incontrar nel primo numero di “Cured” il prosciutto, il formaggio comté e le acciughe, certo, ma anche tanto, tanto altro.
“Cured”, che della qualità del prodotto editoriale fa l’altro punto fondamentale del proprio progetto, utilizza il tema della conservazione dei cibi declinandolo però sempre con registri profondamente diversi e sperimentali. C’è l’arte, la scienza e la moda oltre al cibo ed alle bevande.

Darra Goldstein, fondatrice di Gastronomica, la bibbia nerd del cibo che ha decisamente contribuito alla veloce e corposa diffusione delle riviste cosiddette food plus culture, era scettica durante la progettazione della rivista a causa della estrema specificità del target di lettori e soprattutto del tema. Invece ha scoperto che la conservazione del cibo è un’attività con una storia millenaria alle spalle e che abbraccia l’intera storia della sopravvivenza umana, quello sforzo continuo e decisivo per assicurarsi il cibo.
Questo, insieme alla ricercatezza estrema dell’apparato fotografico ed alla cura nella composizione tipografica, fanno a mio avviso di “Cured” un prodotto originale che, come detto in apertura, ha saputo con coraggio scegliersi il proprio destino e inseguirlo.
Il magazine è acquistabile qui.