Vai al contenuto
Introduzione alle filosofie clandestine
Autore: Paganini, Gianni Genere: Saggistica Casa Editrice: Laterza Anno: 2008 ISBN: 978-88-420-8754-0 Pagine: 181 Paese: Italia Lingua: italiano Dimensioni: Tascabile Dewey: 149 Tags:Filosofia cs | MODULO DI RICHIESTA
Descrizione:

Il manoscritto clandestino rappresenta un genere di comunicazione filosofica molto particolare e tipico dell’età moderna: i quasi duecentocinquanta testi sinora catalogati e corrispondenti a circa duemila copie manoscritte risalgono per la maggior parte alla seconda metà del Seicento e all’inizio del Settecento. Questa vasta produzione di testi non poteva essere pubblicata, poiché sarebbe incappata nei divieti della censura e avrebbe messo a rischio la libertà e talvolta la vita degli autori, che infatti preferirono sovente nascondersi sotto il velo dell’anonimato. La grande stagione in cui i testi clandestini furono creati e la fioritura delle opere più originali precedettero dunque l’inizio “ufficiale” dell’Illuminismo, ma contribuirono senz’altro alla formazione delle idee più “radicali” della cultura settecentesca. La critica della religione e della politica, la proposta di idee anticonformistiche sulla morale e sulle istituzioni sociali, la difesa della tolleranza e della libertà di pensiero, una visione nuova del mondo, della storia e delle civiltà costituirono i temi principali della letteratura filosofica clandestina.