Vai al contenuto

I mostri, il male, la paura, illustrati sull’ultimo numero di “Minchō”

Minchō” è una rivista di trimestrale spagnola pubblicata allo scopo di diffondere le ultime tendenze nel mondo dell’illustrazione e promuovere i progetti personali di quegli artisti che molto spesso non trovano spazio o opportunità.

Come viene definito dai suoi creatori, Minchō è uno scambio di sguardi tra critici e artisti sull’espressione grafica contemporanea.

Bella, elegante e curata in ogni suo particolare, dalla carte, al formato, dal lettering ai contenuti, Minhō è arrivato al numero 13 dove, alla faccia della maledizione per in Spagna il 13 equivale al 17 italico, è stato deciso di prendere come tema centrale i mostri e le creature sgradevoli e spaventose.

Minchō sfida perciò i canoni classici della bellezza per affrontare un itinerario abitato da cattivi, vampiri, fantasmi, demoni, uomini selvaggi e composto da incubi, terrore e malvagità. Ciò si può vedere nelle fotografie di Charles Freger, l’arte macabra di Aleksandra Walizweska, Céline Guichard e María Melero e gli adattamenti moderni di personaggi classici della narrativa horror nei libri illustrati di Javier Olivares e nei fumetti di Joann Sfar.

I mostri sono un’invenzione umana per dare un volto ed una forma alla paura, al male, all’ignoto ed al diverso e Minchō su questo gioca divertendosi a mischiare il bello ed il brutto in un mix abbastanza riuscito.

Articolo precedente

Una serie di poster con infografiche per gli amanti della tipografia artigianale

Articolo successivo

Il mondo splende per te in un libro luccicante e (finalmente) ottimista