Vai al contenuto
E l’America creò gli hippie : storia di una avanguardia
Autore: Scanagatta, Manfredi Genere: Storico Casa Editrice: Mimesis Anno: 2013 ISBN: 978-88-575-1758-2 Pagine: 313 Paese: Italia Lingua: italiano Dimensioni: Tascabile Dewey: 305.5680973 Tags:Anni Sessanta cs | Controcultura cs | Hippie cs | Stati Uniti cs | Underground cs | MODULO DI RICHIESTA
Descrizione:

È stato inaspettato, travolgente, lisergico. È stata la musica, l’arte, sono state le droghe, il sesso, la libertà. Questo libro ripercorre la storia del movimento hippie ponendo l’attenzione su quelli che sono stati i suoi protagonisti. Partendo dagli inizi degli anni quaranta, ricostruisce l’evoluzione di un pensiero che si forma sul concetto di libertà: dalle quattro libertà umane essenziali teorizzate dal presidente Roosevelt, passando attraverso la celebrazione dello Human Be-In fino ad arrivare al Monterey Pop Festival, il primo grande festival rock della storia. La musica, le droghe psichedeliche e l’arte si intrecciano in una narrazione storiografica dove è l’essere umano, libero da convenzioni e stereotipi a fare suo un momento storico e sociale senza precedenti. Il movimento hippie ha rischiato di sovvertire il concetto di status quo sul quale si ponevano le colonne della società americana. Nasce sui marciapiedi di North Beach, cresce negli appartamenti di Haight Ashbury, e lì, da avanguardia si trasformerà in movimento di massa, arrivando fino a noi, ma perdendosi nella storia.