Vai al contenuto
High Art: A History of the Psychedelic Poster
Autore: Owen, Ted Genere: Libro illustrato Casa Editrice: Sanctuary Publishing Anno: 1999 ISBN: 978-1860742569 Pagine: 176 Paese: Stati Uniti Lingua: Inglese Dimensioni: Grande Dewey: Tags:Anni Sessanta cs | Controcultura cs | Grafica cs | Poster Art cs | Psichedelia cs | Underground cs | MODULO DI RICHIESTA
Descrizione:

La poster art psichedelica degli anni Sessanta si è estesa oltre la natura effimera e funzionale del suo design per diventare altamente collezionabile e riconosciuta a livello internazionale. High Art esplora sia la creazione della psichedelia che l’immaginario nato da questo movimento. Copre le sale da ballo Avalon e Fillmore che hanno commissionato l’arte, l’UFO Club di Londra e presenta importanti artisti americani, profili di artisti britannici e descrive l’esperienza dei collezionisti.

Non importa quanto gli hippy arrivassero in alto, la maggior parte doveva tornare sulla terra, tagliarsi i capelli, trovare lavoro e “svendere” la propria controcultura. L’alta arte torna indietro a quando l’amore e l’LSD erano gratuiti e i poster psichedelici non erano arte bancabile. Le riproduzioni audaci e meravigliosamente colorate rendono giustizia alle visioni del mistico e allegro viaggiatore; tuttavia, dopo un’introduzione approfondita al clima sociale e politico degli anni ’60 e alle influenze degli artisti dei manifesti, il contenuto scritto di questo libro vacilla. Per i profili degli artisti di manifesti americani e dei luoghi e dei promotori rock che li hanno impiegati, gli autori hanno ristampato pezzi profondi ma a volte obsoleti dal catalogo della mostra del 1976 San Francisco Rock Poster Art dello storico Walter Medeiros. La loro copertura originale della scena britannica con citazioni dirette degli artisti è più coinvolgente. Non viene nemmeno esplorato il motivo per cui l’arte psichedelica si è oscurata negli anni ’80 e ha guadagnato popolarità a metà e alla fine degli anni ’90. Consigliato dove la domanda lo richiede.AHeather McCormack, “Library Journal”