Vai al contenuto
I lunghi anni Sessanta : movimenti sociali e cultura politica negli Stati Uniti
Autore: Cartosio, Bruno Genere: Storico Casa Editrice: Feltrinelli Anno: 2012 ISBN: 978-88-07-11117-4 Pagine: 396 Paese: Italia Lingua: italiano Dimensioni: Tascabile Dewey: 973.923 Tags:Anni Sessanta cs | Controcultura cs | Stati Uniti cs | Underground cs | MODULO DI RICHIESTA
Descrizione:

Nel 2009 Barack Obama è diventato il primo presidente afroamericano degli Stati Uniti. La sua elezione ha segnato una svolta epocale nella storia americana, le cui radici si possono rintracciare nelle lotte e rivendicazioni dei movimenti sociali che negli anni sessanta hanno combattuto contro la segregazione razziale e per i diritti civili. Questa era una, non la sola, delle battaglie di verità dell’epoca. Lotte di liberazione contro condizioni sociali, culturali e politiche oppressive furono anche quella contro la guerra in Vietnam e contro la discriminazione sessuale. Quel passato in cui ci si divideva su questioni di razza, sesso e guerra torna ora di attualità e la “memoria divisa” di quegli anni, quando si contrapposero culture e visioni del mondo radicalmente differenti, è materia di nuova riflessione. Il Movimento, come veniva chiamato l’insieme delle componenti dell’opposizione politica e sociale, spesso fu in grado di individuare i mali e le storture della società americana, anche se non sempre gli fu facile o possibile porvi rimedio, non da ultimo per la dialettica interna ai movimenti e l’ostilità politica esterna. Nei “lunghi” anni sessanta, che iniziano giànelle lotte antisegregazioniste dei neri del Sud negli anni cinquanta e si protraggono nei settanta con il movimento di massa delle donne, si assisté a uno straordinario mutamento culturale e dei costumi. La trasformazione non si può ridurre alla sola controcultura, che ebbe il suo apice a Woodstock nel 1969, e non riguardò soltanto i giovani, ma coinvolse l’intera società. Sul senso di quegli anni, sui quali la storiografia si era a sua volta divisa nel giudicare le responsabilità del potere e i suoi contestatori, si interroga oggi Bruno Cartosio, ripercorrendone miti e realtà, cultura e politica e la fondamentale spinta liberatoria.