Vai al contenuto
Musica in Cantina: Viaggio nell’Immaginario Underground della Rock Poster Art Italiana
Autore: Graffio, Tony Genere: Libro illustrato Casa Editrice: Autoproduzione Anno: 2017 ISBN: Pagine: 278 Paese: Italia Lingua: italiano Dimensioni: Tascabile Dewey: Tags:Grafica cs | Italia cs | Musica cs | Poster Art cs | Underground cs | MODULO DI RICHIESTA
Descrizione:
L’idea di approfondire la conoscenza della scena della Rock Poster Art italiana era nell’aria poiché, ultimamente, avevo conosciuto alcuni tra i più interessanti graphic artist e serigrafi attivi in questo settore. L’occasione di trovare a Jesi, al prossimo Basement Party, altre firme che si dedicano alla realizzazione di manifesti promozionali e commemorativi di concerti Rock, Metal, Punk e via di seguito, mi ha spronato ulteriormente a fare qualcosa di nuovo e di qualità che potesse soddisfare le curiosità di chi si affaccia a questa realtà, sia dal punto di vista collezionistico, creativo e culturale.
Mi ero accorto che Sonny Alabama meritava che si parlasse del suo lavoro in modo un po’ più serio, rispetto a come avevo affrontato questo discorso quando lo conobbi, quasi un anno fa. Nel frattempo, sentivo anche la necessità di rivedere il collezionista Stefano Marzorati e porgli nuove domande; stesso discorso per Daniel Tummolillo, un insegnante dell’Accademia di Belle Arti di Brera innamorato del proprio lavoro che da diversi anni crede nelle potenzialità della serigrafia e che si prodiga in tutti i modi per dare nuove opportunità ai giovani che si dedicano a questa disciplina. E’ lui che è riuscito a far rimodernare il laboratorio serigrafico dell’accademia milanese che aveva attrezzature praticamente sue coetanee. Negli ultimi anni, sono sempre di più gli studenti che si iscrivono ai corsi di serigrafia e si interessano ad un’attività che può essere, non soltanto artigianale e artistica, ma anche immediatamente remunerativa per chi ha voglia di investire un piccolo capitale iniziale e darsi un po’ da fare.
Nel giro di un mese: dal 14 settembre al 14 ottobre (ho terminato d’inserire l’ultimo poster di Paulette Du nella galleria del libro soltanto qualche minuto dopo la mezzanotte di ieri), ho contattato alcuni graphic artist che saranno presenti a Jesi ed altri che già conoscevo, o che mi sono stati segnalati da amici e colleghi della poster-art, ed ho proposto una trentina di domande a tutti. Le domande non sono sempre state le stesse, anche perché ogni artista ha una sua storia personale. Ho lasciato la totale libertà agli interpellati, in modo che potessero scegliere a cosa rispondere e cosa dire; la formula dell’intervista ha permesso di conservare quell’autenticità di contenuti che ricerco sempre nelle mie documentazioni ed anche di caratterizzare ogni personaggio con la sua forma espressiva reale e lo stile, più o meno ironico, che lo contraddistingue. Il risultato finale mi ha molto soddisfatto e penso dimostri anche quanto impegno e passione ho riservato a questo argomento che non si limita a descrivere un particolare ambiente delle arti visive, ma racconta anche la realtà delle band musicali Underground nelle quali molti illustratori e grafici confluiscono quasi per osmosi. Per molti di loro è difficile spiegare se hanno iniziato prima a suonare o a disegnare, ma questo non credo sia fondamentale per il lettore. Quello che ritengo importante è che la Rock Poster Art disegnata dai creativi di casa nostra è più che mai viva ed in espansione e pronta per fare il salto di qualità che merita per trovare il suo pubblico ed i suoi committenti anche in Italia.