Vai al contenuto

Può un report aziendale essere così bello da sfogliare?

Uno degli ambiti grafici e di design che più mi stanno appassionando, contrariamente a quello che forse sarebbe immaginabile, è quello della reportistica aziendale. Quel mondo fatto di volumi, percentuali e andamentali economico finanziari che a fine anno le aziende producono per fornire informazioni pubbliche ai propri azionisti e che, negli ultimi anni, stanno avendo un notevole sviluppo proprio per quanto riguarda la raffinatezza grafica e la ricercatezza esteriore.

Oggi proponiamo “True Grit” il report annuale 2016 della società Concho, piccola azienda texana che lavora nell’acquisizione, nello sviluppo e nell’esplorazione di zone per l’estrazione di petrolio e gas naturale. Per questo report, Concho si è affidata alla Agenzia Squires & Company, in particolare al designer David Broderick che ha realizzato davvero un ottimo lavoro rendendo un documento solitamente ostico e monotono, un prodotto veramente interessante, ricco di idee e particolarità grafiche e tipografiche che è arrivato ad ottenere riconoscimenti internazionali in ambito design.

Il progetto si basa su un messaggio forte e chiaro: che cioè il successo di Concho è dovuto alla determinazione nel perseguire la loro strategia, indipendentemente dagli ostacoli che si trovano di fronte nel proprio cammino. La metafora è quella di un cowboy solitario, libero e determinato, che porta avanti la sua missione.

David Broderick ha perciò unito il linguaggio visivo occidentale con alcuni riferimenti al mondo dei cowboy. Riferimenti ai classici marchi delle vecchie aziende di bestiame ed ai vecchi francobolli. La tipografia ed il lettering condensed rimandano alla vecchia segnaletica tipicamente southern così come le immagini ad un colore usate al tempo con poca qualità e qui riproposte volutamente sgranate.

Agency: Squires & Company
Creative Director: Michael Beukema
Designer: David Broderick

Articolo precedente

Syhiva Nallaperumal: la forma delle lettere

Articolo successivo

Kono Takashi: my Momentum