Vai al contenuto

Nel fantastico mondo di “OZ Magazine”

Scritto da:

Francesco

Il museo londinese V&A celebra i 50 anni della rivoluzionaria rivista Oz
Magazine avendo da poco acquistato l’archivio completo dei numeri della rivista da Felix Dennis, co-editore della rivista underground pubblicata tra il 1967 e il 1973.

In OZ Magazine si è cercato di abbattere le istituzioni e le certezze che ingabbiavano lo spirito degli anni sessanta e della controcultura degli anni ’70. Il suo archivio non solo racconta la storia caleidoscopica di Oz attraverso i suoi 48 numeri, ma descrive uno dei periodi più politicamente e socialmente scorretti e rivoluzionari della storia dell’editoria mondiale.

Trattando di ematiche scomode, allora come adesso, dai diritti gay al razzismo, all’ambiente, al femminismo, al sesso, alla pillola, all’acido, alla musica rock e alla guerra del Vietnam, Oz è stato uno dei soggetti più importanti della rivoluzione controculturale del XX secolo.

Prodotto in un seminterrato di Notting Hill Gate da tre editori, Richard Neville, Jim Anderson e Felix Dennis, la rivista era famosa per le copertine psichedeliche dell’artista pop Martin Sharp, i cartoni animati di Robert Crumb, il pensiero femminista radicale di Germaine Greer ed i provocatori articoli che hanno messo in discussione tutte quante le norme stabilite del periodo.

Articolo precedente

"Knock Before Entering", l'ultima fatica di Nathan Yoder

Articolo successivo

Il viaggio onirico di Edie Fake con "Gaylord Phoenix"